Lago Trasimeno

L'Umbria ha un cuore verde e un lago blu il Trasimeno



La storia del Lago Trasimeno

Home L'arte La storia Annibale I musei Il folclore
Parchi e Oasi Gli itinerari Le isole I traghetti I Comuni Vergogna!





Annibale Barca











Ascanio della Corgna











Guido Pompilj

L'antichità

Il Lago, che è sito in un'estesa valle tettonica, prende il nome dalla tragica storia d'amore tra Trasimeno, figlio di Tirreno, trascinato sul fondo del Lago dalla ninfa Agilla (o Agille) innamorata di Lui.

A circa 10 km dal Trasimeno sorsero le Lucomonie etrusche di Cortona e Chiusi ed a circa 20 km la città (sempre di origini etrusche) di Perugia.

Ma la storia è fatta di date e quella del Trasimeno ha inizio con la battaglia del 217 a.C. tra i Cartaginesi comandati da Annibale Barca contro i Romani del Console Caio Flaminio.

Le rive paludose hanno poi scoraggiato grossi insediamenti e tutta l'antichità ed il medioevo passano quasi senza toccare il Trasimeno.

I riottosi comuni (leggasi Siena, Arezzo e Perugia, ma anche Orvieto e Pitigliano) si combattono aspramente tra di loro ma trascurano il Lago.

Anche i numerosi eserciti Tedeschi, Francesi o Spagnoli che scendono l'Italia passano dalla Valdichiana o dalla Cassia ma non si soffermano sul Trasimeno.

Il Rinascimento

Si arriva cosi al 1500 secolo di grandi guerre sia in Italia e sia nel Mediterraneo.

Il 31 Luglio 1514 nasce a Perugia Ascanio della Corgna, nipote del futuro Papa Giulio III.

Ai più questo nome non dice niente, ma ai suoi tempi fu una persona famosa, importante ... ed estremamente pericolosa e letale.

Combatte tutte le guerre che si svolsero in Italia dal 1535 fino alla Battaglia di Lepanto del 1571, dove con il grado di Maestro di Campo (lo stratega militare) dell'esercito Cristiano sconfisse le forze Ottomane.

Durante la battaglia Ascanio viene ferito gravemente e per le conseguenze di queste ferite troverà la morte a Roma il 3 Dicembre 1571.

Ma la storia dei Della Corgna, nobile famiglia perugina, nel comprensorio del Trasimeno era iniziata dalla concessione, per nove anni, di Papa Giulio III alla sorella Jacoma ed ai nipoti Ascanio e Fulvio (divenuto poi Cardinale) di Castel del Pieve (ora Città: della Pieve, Castiglione del Lago ed il Chiugi (la zona verso Chiusi).

Sono proprio i Della Corgna (Marchesi di Chiugi e Duchi di Castiglione del Lago) a realizzare o ristrutturare i bei palazzi che ancora troviamo a Castiglione del Lago, a Città della Pieve, a Corciano ed a Perugia.

Il Lago salvato

La pax tra il Granducato di Toscana e lo stato Pontificio ebbe come conseguenza una lunga tranquillità sulle rive sempre più malariche del Trasimeno, cosicchè, nel 1777, tal frate Cosimo Peintinger ne propose il completo prosciugamento.

E l'idea ebbe dei proseliti tanto che sorse una "lobby" (la società dei Caratanti) con lo scopo di trasformare il Trasimeno in terreno agricolo.

L'idea venne bloccata da due illuminati professori dell'Università di Perugia tal Annibale Mariotti e Benedetto Bernardi i cui nomi sono stati pressoche dimenticati dalle popolazioni odierne.

Passa Napoleone ed il Congresso di Vienna quando nel 1828 prima e nel 1842 poi due ingegneri riprendono la balzana idea.

Passa il Risorgimento e l'Unità d'Italia ed ecco che il Governo Sabaudo concede nel 1865 al Camillo Bonfigli la concessione per il prosciugamento.

L'idea fu bloccata dalla carenza dei mezzi finanziari del Bonfigli e dalla tenace opposizione sia di alcuni esponenti locali e sia del comune di Perugia.

E fu allora che si decisero di fare il "Consorzio per la sistemazione del Trasimeno" il cui ventenne segretario era Guido Pompilj.

Il Consorzio inizialmente guidato da Reginaldo Ansidei e successivamente dal Pompilj stesso procedettè alla sistemazione del Lago realizzando a San Savino l'emissario (1898) per smaltire le ondate di piena e bonificando dalla malaria le coste.

Il Novecento


Nel 1894 fu costruito l'Ospedale di Sant'Agostino a Castiglione del Lago.

Nel 1929 fu aperta la scuola per la guida degli idrovolanti.

Successivamente venne inagurato l'aereoporto G. Eleutieri, sempre a Castiglione del Lago.

Durante la seconda guerra mondiale l'aereoporto fu semidistrutto dai tedeschi in ritirata nel 1944 ..... ed ancora non risistemato, ma questa è cronaca e non storia.



Home L'arte La storia Annibale I musei Il folclore
Parchi e Oasi Gli itinerari Le isole I traghetti I Comuni Vergogna!


trasimeno.ws
Tu sei il nostro



visitatore dal 28/04/2003



oggi su acpb sono state viste ... pagine


Ti è piaciuta questa pagina?

Se "SI" votaci su Google premendo il pulsante +1 qui accanto

e per restare in contatto con noi seguici su








Trasimeno.ws è pubblicato con
Licenza Creative Commons























Grazie della lettura

Ti attendiamo presto sul Lago Trasimeno ...